Go to Top

Sulla Via della Seta – DECLINATI AL FUTURO

  Venerdì 3 luglio, alle ore 18.00 presso il salone della Filanda, Sulla Via della Seta incontreremo l'on. Ministro Graziano Delrio e discuteremo con lui di futuro e, soprattutto, di giovani. Intervistato da Marco Erba (Scrittore e Insegnante) e dell'economista Sergio Ciriaco, dialogheremo sui temi di governo che coinvolgono più direttamente i giovani, dal Jobs Act alla Riforma della Scuola, dalla meritocrazia alla vita accademica fino alla fuga dei cervelli. DelrioGraziano Delrio, nato nel 1960, laureato in medicina, ha conseguito la specializzazione in endocrinologia ed ha perfezionato i suoi studi fra la Gran Bretagna ed Israele. Docente e ricercatore all’Università di Modena e Reggio Emilia, è autore di una produzione scientifica di rilievo che lo ha portato a tenere seminari negli Stati Uniti ed in Europa. Con l’Associazione “Giorgio La Pira”, di cui è stato fondatore e presidente, ha promosso numerose iniziative culturali ed allacciato rapporti con il Medioriente. Alle elezioni amministrative del giugno 2004 è stato eletto sindaco di Reggio Emilia. Il 5 ottobre 2011 è stato nominato presidente dell’ANCI, succedendo così a Sergio Chiamparino, ex sindaco di Torino. Nel 2011 ha descritto l’evoluzione del modello amministrativo emiliano nel suo primo libro “Città delle persone. L’Emilia, l’Italia e una nuova idea di buongoverno”, edito per le Saggine di Donzelli. Sposato con Annamaria, hanno nove figli. Il 28 aprile 2013 ha giurato fedeltà alla Costituzione come Ministro per gli Affari regionali ed Autonomie nel governo Letta. Il 22 febbraio 2014 è divenuto Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, segretario del Consiglio dei Ministri con delega alle Politiche di Coesione Territoriale e allo Sport nel governo Renzi. Dal 2 aprile 2015 è il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.     SULLA VIA DELLA SETA_banner_sponsor  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Segui la Filanda anche su Facebook